social media

Premere il pulsante “Pubblica”, per distribuire il tuo contenuto all’interno dei social media, rappresenta un momento straziante quando si è all’inizio della propria attività sul web e si utilizzano i social al fine di incrementare awareness ed engagement.

Non hai mai provato quel nodo alla gola tipico di chi si approccia per la prima volta ad un nuovo mondo pieno di aspettative? Beato te!

Il motivo principale di così tanta preoccupazione è principalmente uno: dopo aver trascorso ore e ore a creare un contenuto di qualità, esiste la possibilità concreta che questo non venga visto da nessuno.

La causa non sei tu, né tantomeno ciò che hai prodotto. È assai più probabile che il motivo per cui, fino ad ora, sei rimasto invisibile agli occhi del tuo potenziale pubblico, sia la pessima scelta dei canali di distribuzione adottati.

Non puoi più rimandare: è ora di trovare il social media più adatto a te e al tuo lavoro. Come? In 4 semplici passi.

1.Scegli il social media in base all’utilizzo che ne fa il pubblico

social media target

Ogni social media ha le sue peculiarità, un formato caratteristico con cui i contenuti possono essere pubblicati e diverse opzioni per coinvolgere il pubblico.

Prima ancora di andare a trovare il social media che meglio si presta alle tue esigenze, occorre che tu conosca l’audience a cui intendi rivolgerti.

Poniti queste domande:

  • Chi sono i miei lettori? E, in particolare, quali social media usano e quando?
  • In base alla differente piattaforma presa in esame, quali contenuti cercano gli utenti e perché? Chi seguono sui social media e chi è in grado di influenzare le loro decisioni?
  • Quando e dove accedono ai social? (È importante determinare se si tratta o meno di un dispositivo mobile).

Ora che hai un’idea precisa di quale sia il tuo target di riferimento, andiamo a vedere le diverse opzioni che il cyberspazio ti offre.

Ogni social media offre una precisa tipologia di contenuto:

  • Facebook: pagine aziendali, gruppi, video live;
  • Twitter: chat istantanea;
  • LinkedIn: pagine business, gruppi, slideshare;
  • Instagram: IGTV;
  • YouTube: motore di ricerca dedicato ai video.

Non è necessario utilizzare ogni aspetto di un singolo social media ma, in base alle tue necessità (e a quelle dei tuoi utenti), puoi usare ciò di cui hai bisogno da ognuno di essi. Postare, ad esempio, un video promozionale della tua azienda su YouTube e allo stesso tempo creare una presentazione approfondita con Slideshare o rivolgerti a Twitter alla ricerca più interazioni con il tuo pubblico.

2.Ottimizza la creazione dei contenuti

Personalizza i contenuti per ogni social media e tieni bene a mente che non esiste un formato unico per ogni piattaforma.

Suddividiamo i diversi canali di distribuzione in base al contenuto:

  • testi, link e immagini: Facebook, LinkedIn, Twitter, Instagram;
  • video: Facebook, YouTube, IGTV, il tuo sito;
  • audio: il tuo sito (considera di includere la trascrizione completa), reti podcast (Spreaker, iTunes);
  • contenuti approfonditi e a “lungo termine”: il tuo blog, LinkedIn.

Esattamente come per gli articoli nei blog, è bene fare attenzione all’headline da inserire nei social media. Forme interrogative e frasi che propongono di darti la soluzione a un problema (perché…., come….) riescono sempre ad attirare l’attenzione del pubblico. Alla fin fine, i principi base per scrivere l’headline nei social sono molto simili a quelli usati nel copywriting o nel Content Marketing.

social media headline

Inserisci sempre un’immagine nei tuoi post, ma ricorda: le dimensioni contano. Dai un’occhiata a quale sia il formato preferito da ogni piattaforma. Su Twitter, ad esempio, è bene che le immagini siano 1024×512 px, mentre i post su Facebook non dovrebbero superare i 940×788 px.

Importante è anche ottimizzare il contenuto in modo da renderlo facile da condividere per i tuoi lettori. A questo proposito, incorpora all’interno delle pagine del tuo blog uno strumento adatto per la condivisione (se usi WordPress esistono un’infinità di plugin adatti a questo scopo): non esagerare con i bottoni, inserisci solo quelli che sai per certo saranno usati dagli utenti.

3.Verifica e traccia la portata della distribuzione del social media

social media

Foto di Roman Kraft per Unsplash

Per trovare il social media perfetto per te, dovrai rimboccarti le maniche, darti da fare con le Analytics e monitorare le attività dei tuoi contenuti sui social.

In base ai dati riportati dai vari tool, scoprirai quali titoli, immagini e articoli funzionano meglio e su quale piattaforma.

Le Analytics interne ai singoli social media sono sempre più specifiche e affidabili (come ad esempio Facebook Analytics) ma, per una miglior visione d’insieme e per ottenere statistiche più approfondite, potresti considerare di avvalerti di strumenti (a pagamento) più professionali (Sysomos, Talkwalker e molti altri).

4.Pianifica il lavoro

social media

Foto di Glenn Carstens Peters per Unsplash

Costanza e dedizione: queste le parole chiave per trovare il social media adatto ad ottenere maggiore visibilità.

Pianifica con esattezza quando (giorno e ora) e dove condividere i contenuti. Costruisci un calendario ben preciso per tenere a mente le date, ma non essere troppo rigido (lascia spazio ad eventuali aggiunte dell’ultimo minuto) e non esagerare con la programmazione, sia in  termini di quantità (più cose fai maggiori sono le possibilità che la qualità ne risenta) che di tempistiche (non è necessario calendarizzare i post con sei mesi di anticipo!). 

Il lavoro deve essere continuo, ma non sempre uguale a se stesso: di tanto in tanto, cambia formato e modalità di presentazione.

Anche in questo caso puoi usare i tool interni presenti sui diversi social media (come gli strumenti di pianificazione offerti da Facebook o Twitter) oppure avvalerti dell’aiuto di strumenti specifici (come Hootsuite). In quest’ultimo caso, ricorda che questi non devono essere intesi come sostitutivi della tua presenza reale ma è necessario tu sia comunque sempre presente e attivo.

Conclusione

Come avrai notato, trovare il social media più adatto per distribuire i tuoi contenuti richiede molto lavoro.

Dovrebbe tuttavia esseri saltato subito all’occhio che l’utilizzo di un solo unico social media sia impossibile di questi tempi. Per incrementare la copertura sulle diverse piattaforme, usa una combinazione di social e tieni bene a mente che ognuno ha le sue peculiarità.

Considera anche di modificare contenuti per adattarli ai diversi social media: rappresenta un bel risparmio di risorse! Adattare contenuti già esistenti infatti richiede meno tempo e budget rispetto a crearne nuovi appositi per la piattaforma.

You may also like

Condividi!