Perché questo è il momento migliore per iniziare a produrre podcast

I podcast sono contenuti audio trasmessi via Internet. Inizialmente utilizzati da una piccola nicchia di persone, si apprestano a vivere un periodo d’oro grazie alla crescita notevole dell’audience e al supporto (ed investimento) di Google.

Secondo una ricerca condotta da Edison Research il 40% della popolazione statunitense ha usufruito di almeno un podcast nel corso dello scorso anno. In Italia i numeri sono nettamente inferiori ma in costante crescita. Basta dare uno sguardo a Spreaker o ad iTunes per rendersene conto: gran parte dei programmi radiofonici di successo nel nostro Paese si sono attrezzati anche di canale podcast, così come piccoli e grandi professionisti dei settori più diversi.

Utilizzo dei podcast negli USA

Tale crescita non poteva naturalmente passare inosservata. Quello dei podcast è un territorio inesplorato da parte dei marketers che, infatti, mirano a porre rimedio iniziando ad investire anche su questo tipo di contenuto.

I motivi della crescita

Smartphone e podcast: connubio perfetto

Le ragioni dell’incremento nell’utilizzo di podcast e nell’interesse del mondo del business sono molto semplici e vanno di pari passo con i trend che si stanno pian piano delineando nel corso degli ultimi anni.

  1. L’utilizzo dello smartphone. Più della metà delle persone (tanto in America quanto nel nostro Paese) possiede uno smartphone. Oramai è diventato parte integrante del nostro essere, è innegabile. E, poiché i video sono ancora troppo “pesanti” e richiedono spesso un uso eccessivo della rete per poter essere guardati con frequenza, ecco dunque che il dispositivo mobile diventa la piattaforma privilegiata per scaricare e ascoltare i più leggeri file audio;
  2. Le smart radio nelle auto. Trascorrere tante ore alla guida ascoltando sempre la solita musica è snervante, lo sa bene chi è costretto ogni giorno a percorrere chilometri e chilometri di asfalto. Gli automobilisti più smart stanno dunque prendendo l’abitudine di ascoltare programmi e approfondimenti, scaricati via podcast, nella propria auto;
  3. On-demand. Benedetto sia Netflix! Il popolare servizio di streaming di film e serie TV, ha introdotto la maggioranza delle persone che ancora non lo conoscevano, al concetto (sacrosanto) di on-demand. I podcast sono scaricati quando e dove vuole l’utente, e ascoltati in totale tranquillità (magari proprio dallo smartphone, mentre aspetta il treno, o in auto, durante il tragitto per il lavoro).

Pro & contro

Podcast: pro & contro

Pro

Se ancora sei indeciso circa il loro utilizzo all’interno del tuo business, ecco una breve lista dei motivi per cui dovresti davvero considerarli.

  • Coinvolgimento. Al pari dei video, i podcast sono facili da reperire e hanno l’enorme pregio di riuscire ad attirare l’attenzione del consumatore. A differenza dei contenuti visivi però, richiedono un’attenzione minore: la persona può ascoltare ciò che hai da dire mentre è occupata in altre faccende. Quest’ultimo fatto, in particolare, è in grado di attivare un meccanismo per cui il tuo contenuto diventa, oltre che utile, piacevole. Si arriva quindi ad aumentare la fedeltà del consumatore al tuo business.
  • Visibilità. I podcast (distribuiti in maniera gratuita) portano ad un aumento del traffico organico. Ciò si traduce in un arricchimento della community e nella nascita di un maggior attaccamento al brand. Non solo, sarai in grado di estendere il tuo pubblico, avvicinandoti ad una fetta di persone che ancora non avevi considerato o che non eri riuscito a raggiungere.
  • Low cost. I costi di produzione sono notevolmente inferiori rispetto a quelli affrontati per altri contenuto (come i video). Sono semplici da registrare, da editare e da distribuire. Ciò che ti occorre sono solo un microfono e un programma di editing (a seconda del luogo in cui hai intenzione di registrare, potresti anche considerare di munirti di qualche pannello fonoassorbente, per aumentare la qualità dell’audio).

Contro

I podcast sono in grado di portare notevoli vantaggi, ma hanno anche degli svantaggi legati prevalentemente all’aspetto della qualità: occorre lavoro, impegno e dedizione nella produzione dei podcast. Si tratta di un’attività che, soprattutto nelle fasi iniziali, porterà via una gran quantità di tempo e risorse. Ma è pur sempre un sacrificio necessario per prender mano con lo strumento, è inevitabile.

Ricorda anche che i podcast rientrano a pieno all’interno di una strategia di content marketing. Le domande che dovrai porti sono dunque le stesse per la produzione di un qualunque altro contenuto: qual è il mio target? che tone of voice è meglio usare? ho a disposizione le figure per creare un contenuto coinvolgente e di qualità? sono in grado di pianificare l’attività all’interno del calendario editoriale?

Il supporto di Google

Google ama i podcast! Lo avresti mai detto?

In effetti si tratta di una notizia recente. Zack Reneau-Wedeen, Google Podcasts Product Manager, ha diffuso le linee guida della nuova strategia di Google legata al mondo dei podcast: “La missione del nostro team è quella di raddoppiare l’ascolto dei podcast nel mondo nei prossimi due anni”. Obiettivo ambizioso.

come funzioneranno i podcast all'interno di Google

Fonte: Pacific Content

Le migliorie apportate riguardano nello specifico:

  • l’invasione (pacifica) della Google Search: i podcast inizieranno a popolare attivamente i risultati di ricerca al pari di immagini e video;
  • l’aiuto da parte dell’assistente di Google: il suo supporto non riguarderà solo l’ascolto ma anche la sincronizzazione dei vari contenuti su diversi dispositivi.

Secondo Zack Reneau-Wedeen si potrà in questo modo raggiungere una fetta enorme di utenti Android che ancora non utilizza i podcast (o nemmeno li conosce, come nel caso italiano).

[Per altri approfondimenti sulle nuove strategie Google ti rimando agli interessanti articoli di Pacific Content.]

Quest’ultima notizia dovrebbe averti dato un motivo in più per iniziare! Visto infatti l’interesse e il supporto di un big come Google, non ci sono dubbi che il mercato crescerà enormemente anche nel nostro Paese, permettendo di incidere in maniera unica nel mondo del business.

You may also like

Condividi!