mobile first index

Con il Mobile First Index si indica l’intenzione, da parte di Google, di utilizzare la versione mobile di una pagina web per l’indicizzazione e il ranking all’interno dei risultati di ricerca per aiutare gli utenti a trovare ciò che stanno cercando anche da un dispositivo mobile.

Per chi si occupa della creazione di contenuti e per i brand che intendono esser trovati online, ciò significa che è ora di metter mano al proprio sito web e lavorare affinché garantisca la miglior esperienza utente possibile anche da mobile. Le pagine web dovrebbero dunque essere ben ottimizzate e facilmente fruibili per l’ampio spettro di dispositivi e browser utilizzati dal pubblico per accedervi.

Perché il mobile first index è importante?

La risposta è semplice:

dal momento che il volume delle ricerche online continua a spostarsi sempre più verso i dispositivi mobile, verrà data sempre più la preferenza ai siti web con contenuti ottimizzati per gli utenti mobile.

Molti ricercatori prevedono che oltre i due terzi di tutte le visite web arriveranno da smartphone entro la fine del 2018. Ipotesi non troppo irrealistica, soprattutto considerando che, ad ora, il 52,2% di tutto il traffico web mondiale è stato generato proprio da mobile. I brand devono insomma assicurarsi che la loro presenza sul web sia in linea con tale comportamento.

È ora di smettere di pensare al mobile friendly come ad una appendice del tuo sito desktop, e invece iniziare a pensare, scrivere e progettare il tuo sito web per la fruizione da mobile. Google potrebbe infatti iniziare a prestare maggiore attenzione ad altri portali web che si dimostrano in grado di soddisfare meglio i bisogni degli utenti, e relegare dunque il tuo lavoro a posizioni più basse nei risultati di ricerca.

Il Mobile First Index rappresenta una straordinaria opportunità per semplificare l’esperienza web della tua azienda e convincere gli utenti a far visita anche da smartphone.

Mobile first index: consigli per l’uso

Se hai già un sito web reattivo e hai già avuto cura di rendere i tuoi contenuti facilmente utilizzabili da mobile, non c’è molto altro che devi fare adesso. Se, al contrario, non è per nulla ottimizzato non farti prendere dal panico! Ecco alcuni passaggi che possono aiutarti ad iniziare:

1.Attendi la notifica

Google sta lentamente valutando i siti web per il Mobile First Index.

Se utilizzi la Google Search Console, riceverai una notifica quando il tuo sito diventerà oggetto di indicizzazione per dispositivi mobile. Questo sarà il momento propizio per controllare attentamente se il tuo traffico da mobile ha subito variazioni considerevoli e, naturalmente, porre subito rimedio.

2.Rivaluta la tua esperienza mobile

Il comportamento degli utenti su dispositivo mobile è spesso molto diverso rispetto a quello di coloro che vi accedono da desktop, e un sito ben progettato non può non tenerne conto.

In molti casi potrebbe essere utile ripulire la versione mobile per promuovere la leggibilità, la facilità d’uso e la navigazione.

Mettiti nei panni dei tuoi utenti!

Prendi lo smartphone e interagisci con il tuo sito web in maniera oggettiva. Annota i diversi modi con cui potresti migliorare l’esperienza utente. Fai di tutto per far sì che i tuoi utenti ottengano le informazioni di cui hanno bisogno in maniera rapida e non si sentano frustarti nel navigare all’interno delle pagine del sito.

Il tuo obiettivo è informare? Assicurati che il sito sia ben leggibile e privo di distrazioni (come i fastidiosi pop-up) che potrebbero compromettere l’esperienza degli utenti.

I siti per dispositivi mobile non richiedono decorazioni, transizioni rocambolesche ed effetti pazzeschi. Assicurati che l’essenza del tuo messaggio sia pronta all’uso.

Se il tuo obiettivo è quello di coinvolgere, assicurati che i moduli e le call-to-action siano facilmente cliccabili e compilabili anche da smartphone, e che qualsiasi funzionalità di chat dal vivo o bot messenger sia fruibile anche da mobile.

3.Presta attenzione al percorso verso la conversione

Per la maggior parte dei Marketer, il successo è misurato in base al numero di lead che provengono dal sito web dell’azienda. È importante fare in modo che i visitatori del tuo sito web abbiano un’esperienza senza attriti attraverso i percorsi di conversione del tuo sito.

Puoi valutare facilmente questo aspetto accedendo al tuo account Google Analytics e filtrando le conversioni da dispositivi mobile. Avere questi dati è un potente promemoria di quanto l’esperienza utente da smartphone debba essere ottimizzata al meglio. Ma è anche un benchmark che puoi usare per misurare l’impatto di eventuali modifiche apportate nel corso dell’ottimizzazione per il Mobile First Index del tuo sito.

 

Il passaggio al mobile è inevitabile e con Google che implementa l’indicizzazione da mobile, non esiste momento migliore per iniziare ad agire!

Per altre info, dai un’occhiata al blog ufficiale di Google.

You may also like

Condividi!