Poche parole sono state vessate dai media come il termine “Millennial”. Sembra che tutti abbiano un problema con i giovani di oggi, eppure, si tratta di un segmento di mercato che per le aziende è oro. Numerosi i brand ad aver visto crescere i propri affari grazie ai loro acquisti, e altrettanti si sono avvalsi del sostegno dei giovani influencer per raggiungere rapidamente un nuovo pubblico.

I Millennial sono la generazione che qualunque marchio vorrebbe raggiungere. Prima di comprendere il motivo di tanto interesse e scoprire cosa, invece, coinvolge i giovani, occorre una precisazione.

Chi sono i Millennial?

Conosciuta anche come Generazione Y, si indicano come Millennial gli individui nati tra il 1981 e il 1996. Ma, oltre alla questione puramente anagrafica, il termine stesso è diventato nel tempo una parola in codice per definire un preciso tipo di giovane.

Gli stereotipi che coinvolgono i Millennial includono:

  • il costante bisogno di attenzione, anche quando ciò che hanno fatto non è per nulla impressionante;
  • la tendenza a distrarsi facilmente, di solito scaricando la responsabilità sulle nuove tecnologie;
  • un’ossessione per l'”io”, hai presente la cultura del selfie?

Nonostante l’aurea di negatività che si tende a dar loro nei media tradizionali, i Millennial sono anche immensamente amati. Da inserzionisti e Marketer.

Perché sono preziosi per i brand?

i millennial sono fondamentali per i brand

l target di individui di età compresa tra i 18 e i 34 anni, è il più ambito dagli inserzionisti. Si tratta di persone in età lavorativa, con poche probabilità di impegnarsi nell’acquisto di beni immobili e, di riflesso, con maggiori possibilità economiche.

In ottica Social Media Marketing, esiste anche un ulteriore motivo per cui sono così ricercati: sono tutti sui social media. Solo in America, il 92% dei Millennial possiede uno smartphone e, di questi, l’85% ha un profilo social. Vuoi sapere cosa pensano i giovani? I social sono un ottimo posto per scoprirlo.

Ma esistono altri motivi che rendono i giovani interessanti agli occhi dei brand:

  • sono la più grande forza lavoro del mondo: uno studio del Pew Research Center afferma che, già nel 2017, il 35% della forza lavoro negli U.S. era composta da Millennial, rispetto al 33% di individui appartenenti alla Generazione X e al 25% di Baby Boomers. Nel resto del mondo la situazione è pressoché simile;
  • saranno presto la più grande generazione di adulti viventi: l’attuale gruppo più numeroso è composto in realtà dai Baby Boomers, ovvero coloro che sono nati tra il 1945 e il 1964. I giovani, però, stanno pian piano colmando il divario con i loro genitori e nonni e, al momento, hanno già superato la Generazione X (più vicini a loro in termini di età). Se ti stai chiedendo come ciò possa essere di qualche interesse, sappi che i brand sono alla continua ricerca di grandi segmenti di mercato cui dedicare gli sforzi del comparto Marketing. Ergo, se i Millennial stando diventando sempre più grandi, è necessario interessarsi maggiormente a loro.

Quali sono gli interessi dei giovani?

selfie, ambiente,...quali sono gli interessi dei millennial?

Foto di Julian Gentilezza per Unsplash

Se intendi raggiungere i Millennial, fai attenzione ai loro interessi. Fortunatamente, i social media ci tengono costante aggiornati in tal senso: cosa vogliono, cosa acquistano, cosa amano,… Tutte informazioni che, con le competenze e le tecnologie ora in nostro possesso, possiamo utilizzare a scopi Marketing.

Stando ad un’indagine di Linkfluence, commissionata dal team di SocialMediaToday, i valori chiave che sembrano toccare maggiormente i giovani sono:

  • diritti degli animali;
  • sostenibilità e tutela dell’ambiente;
  • lotta al razzismo;
  • integrazione;
  • femminismo;
  • diritti della community LGBT.

I Millennial non sono tutti uguali!

La parola è spesso usata in riferimento ad un blocco unico di persone, un target-monolite insomma. Esistono tuttavia delle importanti differenze tra i giovani.

  • Componente geografica. Così come i Baby Boomer europei hanno punti di vista spesso differenti con i loro vicini africani o asiatici, lo stesso accade tra i Millenial. Anche se quelli appena elencati sono considerati valori “universali” per i giovani, il loro approccio cambia a seconda del Paese nel mondo in cui si trovano. Nei paesi di lingua inglese, ad esempio, i diritti degli animali sono una problematica di altissimo interesse. Per i loro coetanei cinesi, invece, questa occupa uno degli ultimi posti della classifica;
  • Anche l’età conta. Abbiamo visto che i Millennial coprono un range anagrafico compreso tra 18 e 34 anni. Come ben sappiamo (o possiamo immaginare) i ragazzi di 18 e 34 anni tendono ad avere priorità diverse nella vita. Per i primi, la lotta al razzismo e all’omofobia può avere importanza cruciale. I secondi, potrebbero invece dare maggior peso alla tutela dell’ambiente.

Occorre inoltre tenere a mente che alcuni argomenti sono dominati dai più giovani. Dallo studio sui social media di Linkfluence, è emerso chiaramente che alcuni topic sono di maggior rilevanza: circa l’80% dei post riguardanti i diritti LGBT, il benessere degli animali e l’integrazione proviene proprio dai Millennial. Al contrario, i temi della sostenibilità e della tutela dell’ambiente sono condivisi anche dagli over 35.

È quindi chiaro che il messaggio “all-in-one” adatto ai Millennial, non esiste: è necessario cercare i segmenti chiave all’interno del target e creare messaggi adatti a loro.

Marketing & Millennial

Come abbiamo visto, i Millennial sono di estrema importanza per i brand. Trattare con loro, però, può comportare non pochi rischi.

I dati (ma anche il buonsenso) consigliano di segmentare ulteriormente il gruppo, in base a:

  • Paese e lingua;
  • fascia d’età;
  • argomenti sui quali costruire la campagna.

Invece di indirizzare i tuoi sforzi indistintamente alle persone di età compresa tra i 18 e i 34 anni, individua dei sottogruppi e trova l’argomento che può interessare loro maggiormente. In questo modo, creerai campagne personalizzate e potrai esser certo di mostrare i tuoi prodotti al giusto pubblico.

Condividi!

You may also like