Social trend 2018

Il mondo dei social media è in continua evoluzione. Per riuscire ad emergere e ad avere successo in questo mondo occorre rimanere sempre al passo con le nuove tendenze.

Secondo stime recenti, gli utenti attivi sui social sarebbero più di 2,5 miliardi e il numero è destinato a crescere nei prossimi anni. Non deve quindi stupire se tutti i brand più acclamati al mondo stiano incrementando gli investimenti su queste piattaforme. È lì infatti che si trovano i consumatori e i potenziali clienti.

Social trend: gli utenti attivi

Non solo brand awareness ma anche annunci pubblicitari che, ad oggi, rappresentano la principale fonte remunerativa della maggior parte dei social media (nella fattispecie, oltre il 90% del fatturato di Facebook).

Tutto il mondo è connesso e il popolo dei social continua a crescere di anno in anno. Il modo migliore per mettersi in pari con i continui mutamenti relativi alla società e con i costanti aggiornamenti delle varie piattaforme (e poterli quindi usare a proprio vantaggio), è tentare di prevedere quali saranno i social trend caratterizzanti un determinato periodo (perché, si sa, le tendenze sono destinate a nascere e a morire nell’arco di pochi mesi). Solo così si può valutare e portare avanti una strategia efficace e performante. Vediamo quali sono quelli che si stanno delineando in questo 2018.

La rinascita di Twitter?

Considerato continuamente sull’orlo del tracollo. Dato per spacciato dai più. Il ritorno di Twitter rappresenta l’esempio di social trend che non ti aspetti e su cui non scommetteresti un euro.

Contro ogni aspettativa, il social made in San Francisco ha chiuso il 2017 in profitto. Non solo: come illustrato da the Verge, anche gli inserzionisti pare si stiano pian piano riavvicinando alla piattaforma registrando un incremento del 2% negli annunci sulla piattaforma (che pare poco, ma si tratta comunque di diversi milioni di dollari di differenza).

Social trend: Twitter in profitto

Le buone notizie non finiscono qui: stando ai dati del primo quadrimestre 2018, il numero di utenti attivi è in crescita, leggera ma pur sempre crescita (circa il 3% rispetto all’anno precedente).

Twitter, tuttavia, continua ad essere un gradino al di sotto i prodotti di casa Facebook (Instagram e Whatsapp, in particolar modo) ma la nuova direzione intrapresa dal suo creatore, Jack Dorsey, e i risultati incoraggianti, riscontrati già dallo scorso anno, lasciano intendere che il piccolo canarino blu si stia rimettendo in forze.

Via da Facebook

Oramai se ne parla da qualche tempo: i più giovani stanno abbandonando la nave di Facebook per dirigersi verso altri lidi. 

Social trend: gli under 25 abbandonano Facebook

Per la prima volta dalla sua nascita, Facebook ha registrato una decrescita di utenti nella fascia under 25. Dunque, dove stanno andando i giovani?

Il primo attracco è comunque di proprietà del gigante blu capitanato da Mark Zuckerberg: Instagram che, non a caso, a recentemente riscontrato un aumento del 59% di utenti di età compresa tra 18 e 29 anni.

Ma non solo, anche Musical.ly, la piattaforma che consente di creare brevi video musicali in playback, si dimostra essere un ottimo approdo per i giovanissimi e ha di recente toccato i 4 milioni di iscritti in Italia, per la maggior parte rappresentati proprio da under 18.

I motivi di tale migrazione sarebbero essenzialmente due:

  • la necessità avvertita dai giovanissimi di separarsi dalla propria famiglia (e come dargli torto, visto che i genitori si trovano spesso e volentieri tra le richieste di amicizia) e, in generale, da quanto già conosciuto: perché postare le foto del sabato sera o scrivere lunghi post di sfogo (prerogativa squisitamente adolescenziale) se questi si troveranno nel mirino di familiari o compagni di scuola?
  • la tendenza all’allontanamento, non solo dai social più blasonati, ma dall’intero mondo digital: si tratta di veri e propri “esperimenti di vita vera” che, tuttavia, hanno finito col diventare una consuetudine tra i ragazzi (in effetti, anche quello del distacco da Facebook & co. potrebbe rappresentare, a suo modo, un social trend!)

Instagram 4ever

Come già accennato nel punto precedente, lo sviluppo di Instagram potrebbe rappresentare l’emblema dei social trend previsti nel corso del 2018.

Social trend: la crescita di Instagram

Il social più amato dagli influencer e dalle fashion blogger, rappresenta una miniera d’oro per il mondo del Social Media Marketing. Con il solo utilizzo delle immagini è possibile raggiungere gli utenti di tutto il mondo e, vista anche la recente introduzione della funzione Shopping, rappresentare una fonte di crescita, in ottica e-commerce, non indifferente.

Ad ogni modo, anche altre piattaforme visual si apprestano a vivere una crescita di notevole portata: Snapchat, molto amata in America, inizia a prender piede anche nel nostro paese (nonostante le sue funzioni distintive siano state prese e portate nella ben più nota Instagram) e Pinterest continua a guadagnare terreno, complice anche la sua riscoperta da parte di molti brand di abbigliamento.

L’anno dei video (ancora)

Questo sarà l’anno dei video!

Quante volte lo abbiamo sentito ripetere nel corso dell’ultimo decennio? Ci abbiamo fatto l’abitudine e, a dire il vero, la situazione è destinata a ripetersi anche per questo 2018.

Social trend: video sempre più apprezzati

I video sono enormemente apprezzati dagli utenti: alta soglia di attenzione, facilità di utilizzo e coinvolgimento. Queste le parole chiave dell’incredibile successo.

Continueranno a farla da padrone, con cospicui investimenti da parte dei marketers di tutto il mondo. Tuttavia, occorre precisare che non sarà solo YouTube la piattaforma prescelta per la loro diffusione. Di rilievo è infatti l’incremento dei video nativi di Facebook: streaming, video a 360° e verticali (per meglio adattarsi ai dispositivi mobile).

Uno smartphone per amico

Ultimo, ma non meno importante, social trend in atto in questo 2018: l’utilizzo del mobile.

Lo smartphone è oramai diventato parte integrante del DNA umano. 

La maggior parte dell’utilizzo dei social avviene proprio da mobile, così come l’accesso a negozi online. Tale tendenza avrebbe costretto molti brand a dotarsi di applicazioni proprietarie e a lavorare sui design mobile-friendly di siti e e-commerce.

Condividi!

You may also like