Come scrivere una headline

Scrivere il titolo di un blog può essere relativamente semplice. Scrivere una headline capace di attirare utenti (e potenziali clienti) è un compito ben più arduo.

La headline rappresenta una delle parti più importanti della pagina, quasi al pari del contenuto: è il primo approccio degli utenti al tuo lavoro e l’unico modo che hanno per decidere se visionarlo o meno.

A ben pensarci, potresti trovare frustrante il fatto che in una breve riga, di circa 70 caratteri, si decida il destino del tuo testo: se è d’impatto verrà letto da molti, se risulta troppo piatto verrà ignorato (precludendoti dunque la possibilità di diffondere un testo che, chissà, potrebbe anche essere di grande qualità). Sappi che è comprensibile e che, volente o nolente, ci farai presto il callo.

Vediamo allora insieme alcune semplici tecniche per scrivere una headline di successo, in grado di aumentare l’engagement e il traffico al tuo sito.

Dritto al punto

scrivere una headline

Se ti appresti a scrivere una headline, devi prima porti queste domande: “come spiegherei il contenuto del testo ad un amico o a un familiare?” e, mettendoti nei panni dei tuoi utenti, “c’è qualcosa di utile per me, al suo interno?”.

Capirai da te che la brevità è una componente essenziale, così come la completezza. No, non sono due concetti che si annullano a vicenda. Se usati in maniera adeguata infatti possono essere complementari. Il dono della sintesi non è innato ma si può imparare, con il tempo e con tanta (tanta!) pratica.

Anche la creatività rappresenta un elemento di cui tener conto nel titolo. I caratteri come hai visto sono limitati e, se l’argomento di cui ti occupi è molto inflazionato, dovrai studiare altri modi per renderti riconoscibile. Ma sempre senza giri inutili di parole!

Tieni sempre a mente che, così come per i contenuti, anche le headline devono essere pensate per gli utenti e non per l’algoritmo.

Attira la curiosità dell’utente

scrivere una headline

Si tratta questo di un punto tanto cruciale quanto problematico.

È vero che per scrivere una headline occorre anche fare appello alla naturale sete di curiosità insita nelle persone, ma (troppo) spesso questo porta alla creazione di titoli sensazionalistici o clickbait.

Non ricorrere mai a questi espedienti perché, a rimetterci, è la credibilità stessa del tuo sito.

Utilizza invece titoli che rendano l’utente conscio del fatto che, con il tuo articolo, possono imparare qualcosa di nuovo, o venire a conoscenza di fatti o avvenimenti che prima ignoravano.

Le persone navigano su Google per due motivi ben precisi:

  • cercare una soluzione ad un problema;
  • accrescere la propria conoscenza su un determinato argomento.

Sfrutta tali comportamenti per scrivere una headline onesta che rimandi a contenuti pertinenti e di qualità.

Presta attenzione al vocabolario

scrivere una headline

Stai per scrivere una headline? Bene, preparati a rispolverare il tuo vecchio dizionario scarabocchiato delle scuole medie!

Utilizzare le parole giuste può portare il tuo titolo dall’essere piatto e di dubbio valore, ad irresistibile e accattivante, in grado di aumentare traffico e CTR.

Non limitarti ai vocaboli più comuni, usati da tutti i siti e blog (quante headline tutte uguali ci sono su Internet?): utilizza parole d’impatto, potenti, capaci di suscitare un’emozione nell’utente. Una volta incappato nel tuo titolo, non potrà fare a meno che cliccarci sopra.

Bada bene: si parla di vocaboli, non di formattazione del testo. Evita la sequela inutile di punti esclamativi (o interrogativi), non esagerare con i puntini di sospensione ed evita il caps lock.

 

Quelle proposte sono piccole, semplici tecniche per scrivere una headline d’impatto ma ciò che alla fine farà la differenza sarà anche il tuo approccio alla scrittura e l’esperienza che maturerai in quest’ambito. E, se a questi, unirai anche le tue competenze in fatto di ottimizzazione SEO, il risultato sarà garantito.

Il suggerimento più importante che devi comunque sempre tenere a mente è: scrivi per gli utenti e non per Google (anche quando si tratta di una “semplice” headline).

You may also like

Condividi!